Skip to content
insufflaggio sottotetto con schiume

Isolamento del sottotetto: tutto quello che devi conoscere al riguardo

Introduzione

Ti sei mai chiesto quanto calore disperde la tua casa attraverso il sottotetto? Purtroppo molto più di quanto tu creda!

Generalmente, il sottotetto è responsabile di circa il 25-30% della dispersione termica totale di una casa. Questo valore può aumentare o diminuire in base a quanto è ben isolato il sottotetto.

In edifici con isolamento termico inadeguato o vecchio, la percentuale di dispersione termica attraverso il sottotetto può essere ancora più elevata.

Ecco perché è importantissimo realizzare un corretto isolamento del sottotetto: un intervento ben svolto, può ridurre significativamente le perdite di calore in inverno e l’ingresso di calore in estate, contribuendo a ridurre le bollette energetiche.

In questo approfondimento, redatto dal team di Ranghetti Art Proget, analizzeremo le tecniche e i materiali più avanzati per l’isolamento termico, evidenziando come l’insufflaggio termico possa essere la soluzione ideale per molti edifici.

Se desideri scoprire come migliorare l’efficienza energetica della tua abitazione (attestato da un aumento di classe energetica), ridurre i costi di riscaldamento e raffreddamento, e aumentare il comfort interno, lavorando sul sottotetto, continua a leggere.

Cos’è un sottotetto e qual è la sua funzione?

isolamento dal caldo estivo del sottotetto

Il sottotetto è lo spazio compreso tra l’ultimo piano di un edificio e la copertura del tetto.

Questo ambiente, spesso non abitabile, può variare notevolmente in dimensioni e caratteristiche a seconda della tipologia costruttiva e dell’uso a cui è destinato.

In molte abitazioni, il sottotetto è accessibile tramite una botola o una scala retrattile, e può essere utilizzato come spazio di stoccaggio per oggetti che non vengono utilizzati frequentemente.

La funzione primaria del sottotetto dovrebbe essere quella di creare una barriera tra l’abitazione sottostante e l’esterno.

In estate, il sottotetto ha la finalità di proteggere la casa dal calore eccessivo, mentre in inverno quella di contribuire a mantenere il calore all’interno.

Come vedremo più avanti, questo non avviene sempre, anzi! Ecco perché nasce, in casi come questo, la necessità di valutare un intervento di reale isolamento termico del sottotetto.

Tipologie di sottotetto: abitabile e non abitabile

Il sottotetto abitabile è progettato per essere utilizzato come spazio vivibile.

Può essere trasformato in una mansarda, uno studio, una camera da letto o qualsiasi altro ambiente funzionale.

Per essere considerato abitabile, il sottotetto deve rispettare specifiche normative edilizie riguardanti l’altezza minima, la ventilazione, l’illuminazione naturale e l’isolamento termico.

La conversione di un sottotetto in uno spazio abitabile può aumentare significativamente il valore dell’immobile, offrendo metri quadrati aggiuntivi senza la necessità di costruzioni esterne.

Il sottotetto non abitabile, invece, non è destinato ad essere utilizzato come spazio vivibile.

sottotetto non abitabile primo piano

Solitamente, viene impiegato come area di stoccaggio per oggetti che non vengono utilizzati frequentemente.

Questo tipo di sottotetto può essere accessibile tramite una botola o una scala retrattile e non necessita di soddisfare le stesse normative edilizie di un sottotetto abitabile.

Isolamento termico del sottotetto: perché è importante non trascurarlo?

L’isolamento termico del sottotetto è un intervento che dovremmo seriamente prendere in considerazione.

Senza un’adeguata coibentazione, il sottotetto può diventare una fonte di problemi di non poco conto.

Vediamo brevemente quali sono!

Problematiche principali riscontrate in sottotetti non isolati

Pensato per essere una barriera termica, un sottotetto non isolato fa esattamente l’opposto, non riuscendo ad essere sufficientemente efficace nel prevenire la perdita di calore durante l’inverno e l’ingresso di calore durante l’estate.

In certi casi, il materiale con cui è costruito il sottotetto (legno, tegole, ecc.) può offrire una certa resistenza termica, ma non è sufficiente per garantire un’efficienza energetica ottimale.

Non dimentichiamoci anche delle correnti d’aria, che possono formarsi nel sottotetto se ci sono fessure o spazi non sigillati attraverso cui l’aria può fluire.

Queste correnti possono portare a una dispersione di calore più rapida, aumentando il fabbisogno energetico della casa per mantenere una temperatura confortevole.

La mancanza di isolamento adeguato può portare alla formazione di condensa sulle superfici interne del sottotetto.

Un elevato livello di umidità può danneggiare la struttura del tetto, causando marciume del legno, corrosione dei metalli e proliferazione di muffe, con conseguenti problemi di salubrità per gli occupanti.

Inoltre, il sottotetto non isolato agisce come un ponte termico, facilitando il passaggio del calore tra l’interno e l’esterno dell’edificio.

Questo non solo aumenta i costi energetici, ma può anche causare disagi termici significativi, con ambienti interni che risultano troppo caldi in estate e troppo freddi in inverno.

Esempio pratico

Immagina una casa unifamiliare con un sottotetto non isolato.

Durante l’inverno, la temperatura esterna scende a -5°C, mentre all’interno della casa si cerca di mantenere una temperatura di 20°C.

Il calore prodotto dai sistemi di riscaldamento tende a salire e a disperdersi attraverso il sottotetto non isolato, causando una perdita di energia e un aumento della bolletta energetica.

In estate, lo stesso sottotetto si riscalda fino a 40°C/50°C, trasferendo questo calore agli ambienti sottostanti e rendendo necessario un uso intensivo dei condizionatori d’aria, con un ulteriore incremento dei costi energetici.

Metodologie di coibentazione del sottotetto: quali sono quelle esistenti

Abbiamo spiegato perché è importante isolare termicamente il sottotetto, MA COME FARLO NEL CONCRETO?

L’isolamento del sottotetto può essere realizzato attraverso diverse metodologie, ciascuna con caratteristiche e vantaggi specifici. 

L’isolamento a pavimento è un’opzione, in cui l’isolamento viene posizionato sul pavimento del sottotetto, creando una barriera termica tra il sottotetto e gli ambienti abitativi sottostanti. 

I materiali comunemente utilizzati per questa tecnica includono fiocchi di lana, fibre di cellulosa e schiuma poliuretanica.

Come vedremo, l’insufflaggio termico è particolarmente vantaggioso poiché permette di raggiungere anche le zone più difficili del sottotetto, garantendo una copertura uniforme e senza giunzioni, migliorando così l’efficienza energetica complessiva dell’edificio.

Isolamento termico del sottotetto con insufflaggio: come si effettua nel dettaglio

insufflaggio di sottotetto con fibra di cellulosa
Insufflaggio sottotetto con fibra di cellulosa, eseguito da Ranghetti Art Proget

L’isolamento termico del sottotetto con la tecnica dell’insufflaggio è un metodo efficiente e versatile, adatto sia per sottotetti abitabili che non abitabili.

Vediamo nel dettaglio come viene eseguito questo intervento in ciascuna delle due situazioni.

Coibentazione sottotetto abitabile

Per un sottotetto abitabile, l’obiettivo è creare un ambiente confortevole e ben isolato, senza compromettere lo spazio abitabile. 

Il processo inizia con un’accurata ispezione del sottotetto per valutare l’accessibilità e le condizioni strutturali. 

Successivamente, si procede con la preparazione dell’area: eventuali punti di accesso vengono sigillati e si garantisce che il sottotetto sia privo di ostacoli.

Questi tubi vengono utilizzati per insufflare il materiale isolante all’interno delle cavità presenti. 

L’operatore si sposta sistematicamente lungo il perimetro del sottotetto, assicurandosi che l’isolante riempia uniformemente tutti gli spazi vuoti. 

Coibentazione sottotetto NON abitabile

insufflaggio sottotetto contro caldo estivo
Insufflaggio sottotetto, realizzato da Ranghetti Art Proget

Nel caso di un sottotetto non abitabile, l’approccio è leggermente diverso ma altrettanto efficace. Anche qui si parte con un’ispezione preliminare per verificare le condizioni e l’accessibilità. 

Tuttavia, la preparazione dell’area è meno complessa rispetto a un sottotetto abitabile, poiché non è necessario mantenere uno spazio calpestabile.

L’insufflaggio viene eseguito posizionando i tubi flessibili della macchina insufflante direttamente attraverso l’accesso al sottotetto, che può essere una botola o una piccola apertura. 

In questo scenario, il materiale isolante viene insufflato direttamente sul pavimento del sottotetto, formando uno strato uniforme che copre tutta la superficie. L’operatore si muove con cura per assicurarsi che l’isolante raggiunga anche le zone più remote e difficili da raggiungere.

In entrambi i casi, l’intero processo di insufflaggio può essere completato in una singola giornata lavorativa, minimizzando i disagi per gli abitanti della casa.

Quali materiali isolanti si possono sfruttare per una valida coibentazione del sottotetto?

Quando si tratta di isolare termicamente il sottotetto, la scelta del materiale isolante è fondamentale per garantire efficienza energetica e comfort abitativo. 

Ranghetti Art Proget propone una gamma di materiali isolanti di alta qualità per isolare il sottotetto, ciascuno con specifiche proprietà che li rendono adatti per diverse esigenze e tipologie di sottotetto. 

Ecco i principali materiali utilizzati per la coibentazione del sottotetto:

La fibra di cellulosa è un materiale ecologico ottenuto dal riciclo della carta. È molto efficace nell’isolamento termico e acustico, e viene spesso utilizzata per gli interventi di insufflaggio. 

La sua capacità di adattarsi a qualsiasi spazio la rende ideale per riempire cavità e spazi irregolari nel sottotetto. Questo materiale è particolarmente apprezzato per la sua sostenibilità ambientale e le ottime prestazioni isolanti.

La lana di vetro è uno dei materiali isolanti più comuni e versatili. È realizzata da vetro riciclato e sabbia, ed è molto efficace nel ridurre le dispersioni termiche. La sua struttura fibrosa la rende perfetta per l’insufflaggio, permettendo di creare una barriera termica uniforme. 

Inoltre, la lana di vetro offre un’eccellente resistenza al fuoco, rendendola una scelta sicura per molti progetti di isolamento  è incombustibile.

Il poliuretano a spruzzo è un materiale isolante ad alte prestazioni che viene applicato direttamente sulle superfici. Questo metodo garantisce una copertura continua e senza giunzioni, eliminando i ponti termici. 

Il poliuretano espanso è noto per la sua eccellente capacità isolante e per la rapidità di applicazione, rendendolo ideale per interventi che richiedono un’alta efficienza energetica, totalmente calpestabile e impermeabile.

Quali vantaggi porta isolare termicamente il sottotetto?

materiali coibentazione termica lana di vetro

Un buon isolamento termico del sottotetto, ottenuto con la tecnica dell’insufflaggio, comporta numerosi vantaggi, sia in termini di efficienza energetica che di comfort abitativo. 

Innanzitutto, l’insufflaggio consente di ottenere un isolamento continuo e uniforme, riducendo al minimo le dispersioni termiche. 

Questo si traduce in un significativo risparmio energetico, poiché la capacità di trattenere il calore durante l’inverno e di mantenere freschi gli ambienti in estate permette di ridurre l’uso di sistemi di riscaldamento e condizionamento, abbassando così i costi delle bollette energetiche.

Dal punto di vista del comfort abitativo, l’isolamento con insufflaggio crea un ambiente interno più stabile e piacevole. 

Le variazioni di temperatura tra le diverse stagioni vengono attenuate, garantendo una temperatura interna costante e confortevole. 

La tecnica dell’insufflaggio è particolarmente apprezzata per la sua rapidità e l’assenza di interventi invasivi

L’intero processo può essere completato in una singola giornata lavorativa, senza la necessità di opere murarie o di modifiche strutturali significative. 

Questo riduce i disagi per gli abitanti della casa, che non devono affrontare lunghi periodi di lavori o necessità di traslochi temporanei.

Un altro vantaggio tecnico dell’insufflaggio è la sua adattabilità a diversi tipi di sottotetto, sia abitabili che non abitabili. 

Grazie all’uso di materiali isolanti sfusi, l’insufflaggio riesce a raggiungere anche le zone più difficili, garantendo una copertura completa ed efficace. Questo è particolarmente importante per prevenire i ponti termici, punti critici dove il calore può disperdersi più facilmente.

L’efficacia dell’isolamento con insufflaggio si riflette anche in una maggiore durata della struttura del tetto. 

Riducendo la formazione di condensa e l’accumulo di umidità, si protegge il sottotetto da possibili danni strutturali, come la marcescenza del legno o la corrosione dei metalli. 

Inoltre, un ambiente ben isolato previene la formazione di muffe, contribuendo a mantenere un’aria più salubre all’interno della casa.

Isolamento del sottotetto professionale? Scegli Ranghetti Art Proget!

Se stai cercando una soluzione efficace per isolare termicamente il sottotetto, migliorando l’efficienza energetica della tua casa e riducendo le spese in bolletta, Ranghetti Art Proget è il partner ideale per te.

Con anni di esperienza nel settore dell’isolamento termico, siamo specializzati in interventi di insufflaggio del sottotetto, utilizzando materiali isolanti di alta qualità come fibra di cellulosa, lana di vetro, resina ureica e poliuretano a spruzzo.

La nostra competenza ci permette di valutare attentamente le esigenze specifiche di ogni edificio, assicurando un isolamento ottimale e duraturo.

Ma non è tutto, la nostra ditta effettua altre tipologie di interventi!

Realizziamo interventi su misura anche su intercapedini, controsoffitti e vespai, garantendo un miglioramento significativo del comfort abitativo e una riduzione delle spese energetiche.

Operiamo in tutto il Nord Italia, offrendo soluzioni personalizzate per ogni tipo di abitazione.

Se desideri migliorare l’efficienza energetica della tua abitazione e godere di un ambiente domestico più confortevole e sostenibile, contatta Ranghetti Art Proget.

Per ulteriori informazioni o per richiedere un preventivo per l’isolamento del tuo sottotetto, chiamaci al numero 0363/909222 o inviaci un’email all’indirizzo info@isolamento-insufflaggio.it.

Puoi anche compilare il form di contatto che trovi qui sotto, ti risponderemo in tempi brevi!

1 Step 1
keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right
FormCraft - WordPress form builder
Torna su